I molteplici aspetti dell’arte.

Saper riconoscere e assaporare una buona bottiglia di vino è segno di civiltà e di cultura, come saper apprezzare un buon libro o una bella statua. Così scriveva Pierre Poupon nel 1975 nel suo “Nouvelles pensées d’un dégustateur”. L’Arte è sempre manifestazione di comportamenti derivanti dallo studio, dall’esperienza, dalle abilità innate, dalla capacità di trasmettere messaggi ed emozioni; rispecchia i pensieri dell’Artista, le sue opinioni e le sue conoscenze; permette di individuare e valutare il bello e il buono, conosce il linguaggio dei sensi, sa, percepire e divulgare un contenuto sensazionale. Forme artistiche sono la pittura, la scultura, l’architettura, la letteratura, la danza, e tutte le espressioni umane di creatività; Bansky, writer inglese e notevole esponente della street art, sostiene che “l’Arte deve consolare ciò che è turbato e turbare ciò che è familiare”, deve sensibilizzare, rendere note connotazioni non sempre evidenti, deve contenere un pensiero, una riflessione e magari condurre ad una emozione. L’Arte costa… fatica, impegno, volontà, sacrifici, perseveranza… e l’Artista paga tutto ciò per poter manifestare la propria vocazione; deve avere un “Cuore Intelligente”, intendendo una sensibilità spirituale e una ricchezza intellettuale. Saper degustare un vino è Arte, e il Sommelier degustatore è un Artista: insegna a superare i confini comuni e a vedere le cose nel modo nuovo e giusto, insegna a “sentire”, a comprendere, insegna a scoprire i territori, a soffermarsi sulla storia passata, sulle tradizioni, sull’Uomo. Il vino è un fenomeno complesso, alla vista, all’olfatto, al gusto, al tatto e all’udito: berlo in silenzio, senza concentrazione, conduce a percepire la sola sensazione tattile del liquido gustoso che arriva in gola, e questo è un conto; ma degustarlo con attenzione e cercare di interpretare le molteplici reazioni dei nostri sensi, è altra cosa. Il Sommelier degustatore sa parlare del vino che sta degustando, ha educazione enologica, conoscenza di storia, di geografia, di scienza e di tanto ancora, ha abilità linguistica che predispone gli altri all’ascolto, ha esperienza e capacità di concentrazione, e sa esercitare la sua Arte in uno spazio sociale di intrattenimento e di confronto. L’Arte del Sommelier degustatore consiste nel “leggere nel vino, compitando le sillabe” (Emile Pe-ynaud), traducendo l’alfabeto organolettico; consiste nel valutare oggettivamente attraverso un processo in cui comunque il ruolo, soggettivo non può non essere importante. L’Artista tende a tradurne la realtà creando nuove possibilità che, anche se non comprensibili a tutti, possono suscitare sensazioni ed emozioni felici. Questo si prova quando si segue la degustazione di un vino condotta, da un bravo Sommelier degustatore: il godere appieno del nettare divino, il godere prolungato, il beneficiare di sincero benessere, il sentirsi soddisfatti di una esperienza gratificante per la mente e per l’animo.

Barbara Palombo

Barbara Palombo – Sommelier Executive Wine Master – ci racconta l’Arte del Sommelier, con una sensibilità che abbraccia il mondo dell’arte nel suo aspetto più profondo.

E noi, che veneriamo la natura delle Artiste in tutte le sue sfaccettature, ci sentivamo di condividere questa piacevole lettura con voi.

BID

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *